Sperando non accada come nella vignetta…

image_pdfimage_print

curriculum_rid

Se così fosse non avremmo proprio chance a meno che non potremo dichiarare, provandolo, di soddisfare l'esatta condizione!

Scherzi a parte, la stesura di un buon curriculum è elemento essenziale per cominciare la nostra carriera di agente.
Abolito il formato europeo! Scomodissimo da leggere, anonimo ed impersonale con il suo layout obbligato, anche se sembra che esso diventi sempre più un must della circostanza.
A me personalmente non piace e da selezionatore apprezzo di più chi, senza schemi preconfezionati, riesce a comporre un curriculum che sia "bello esteticamente" e con la corretta stesura dei contenuti (poi liberi di usarlo, ma con la capacità di personalizzarlo, al di là degli schemi imposti).

Cosa significa "bello esteticamente"?

Significa ordinato per paragrafi e punti elenco, ove le varie esperienze siano scritte con gli giusti "stacchi" tra una e l'altra.
Ogni esperienza con l'indicazione, in testa alla stessa, di date di inizio e fine.
Non solo un banale elenco di posti e sedi di lavoro, ma anche l'indicazione delle mansioni svolte, delle competenze acquisite, della maturazione lavorativa raggiunta con l'indicazione, non scritta, che faccia capire "adesso so fare questo".
Cominciare sempre con la parte dedicata agli studi, poi elencare le esperienze secondo quanto detto prima, inserire indicazione delle proprie aspirazioni di collocazione e carriera all'interno della struttura alla quale si invia il curriculum (del tipo: attitudini personali, proprie capacita' riconosciute - ad es.: saper lavorare in team o saperlo coordinare -, insomma cosa mi piacerebbe fare all'interno dell'azienda alla quale scrivo).
Chiudere con il richiamo alla legge sulla privacy:
"Autorizzo il trattamento dei dati sopra esposti ai sensi del D.L. 196/2003 e del Regolamento Europeo n. 679/2016, ai fini della candidatura del sottoscritto per l'inserimento presso Vostro organico.". Non dimenticare di mettere luogo, data e firma in originale.

Personale...

Chi legge deve avere visione del candidato non solo come elenco di esperienze ma soprattutto come persona.
Per far questo è necessario che alcuni paragrafi parlino di voi come essere umano e non solo come "macchina da lavoro".
Hobbies, impegni sociali, passioni, devono avere anch'essi il giusto spazio all'interno del curriculum, senza dilungarsi troppo in dettagli ma con il criterio di far capire al selezionatore che siete anche entità pensanti ed in grado di seguire attività extra-lavorative che vi portino a contatti sociali o all'acquisizione di esperienze di vita diverse dal lavoro.
Per questo, inserirete, prima della fine della stesura e precedentemente all'indicazione di attitudini ed aspirazioni, il paragrafo dedicato a voi.
In fondo non è cosi' difficile, basta far proprio il principio secondo cui chi non vi conosce dovrà apprezzarvi da quanto scriverete.
Attenzione! Apprezzarvi non significa che dovrete sperticarvi nel dire che siete belli, bravi, alti e con gli occhi azzurri, o, ancor peggio, indicare con toni da melodramma che avete bisogno di lavorare, ma solo che sarà necessario parlare di voi secondo i parametri sopra indicati.