Libere Considerazioni…

image_pdfimage_print

Libere Considerazioni...

Mauro ... E’ vero che il mondo ci dà la sensazione di “andare a rotoli” ma non è certamente vero che tutti gli uomini e le donne che lo popolano siano vittime del decadimento degli usi e dei costumi a cui, purtroppo, assistiamo da tempo.

Ci sono persone che, pur inconsapevolmente a volte, hanno in sé quella “scintilla” che li porta a non uniformarsi all’imperante degrado e anche quando possa a loro sembrare di “combattere contro i mulini a vento”, riescono  a rimanere sé stessi in piena coerenza con la propria indole etica e morale.

In un mondo in cui il messaggio di vita, a cui siamo soggetti da tempo, da parte della quotidianità e dei media, è quello per cui sembra che trasgredire, malversare, ingannare, truffare faccia tanto “moda” al punto da diventare quasi “glamour”, continuano ad esistere (fortunatamente) delle persone che non vogliono essere ingannate da quella quotidianità viziata di cui comunque sono parte.

Quelle persone sono le stesse che spesso non trovano facilmente sintonia con alcuni schemi preimpostati della consuetudine di vita e che fanno a volte fatica ad integrarsi in certi ambiti o in certi sistemi di rapporto.

A volte sono persone che, all’apparenza, possono sembrare distaccate, altere, superbe, presuntuose ma che in realtà hanno dentro una “scintilla” in più di altri.

La scintilla che nel profondo del loro animo gli dà certezza di pensare che esista altro oltre il resto…

Sono quelle persone che probabilmente hanno già “ferocemente assaggiato” la vita beccandosi pure qualche “pugno nei denti” e nonostante ciò sanno che se esistono e sono in questo mondo è per qualcosa di più di quello che vivono nella piattezza della quotidianità.

Irrequieti forse, ove ciò è da intendersi con l’accezione più positiva possibile: irrequieti perché sanno e vogliono dare di più a sé stessi e agli altri, nella piena consapevolezza che “si può fare”… Nonostante tutto!

Ed allora ecco che la ricerca non può che culminare nel volere fortemente integrarsi con chi la pensa alla stessa maniera.

Paradossalmente, in una società civile, le regole non sono da intendersi come una limitazione della propria libertà ma, anzi, come un corretto modo per meglio apprezzarla: solo sapendo rispettare le regole è possibile apprezzare la libertà altrui e capire i confini della propria.

La società civile (mi chiedo se esista ancora “là fuori”…) riconosce la necessità dell’esistenza di gerarchie ai fini della corretta applicazione e vigilanza di quelle stesse regole.

Estratto dai pensieri di Mauro...

image_pdfimage_print

Lascia un commento