La beffa dell’inquinamento delle polveri sottili

image_pdfimage_print

Come è facile prenderci in giro...

101

Leggo con disgusto quanto sta accadendo da tempo in merito all'allerta inquinamento e polveri sottili in varie città d'Italia, ma anche tutta la falsa sensibilizzazione mondiale attorno al problema.

Falsa, sì, in quanto anziché guardare alla luna guardiamo sempre al dito che la punta...

Ora c'è anche la norma che imporrà limiti di velocità in città, ribassati di 20 km/ora rispetto all'attuale e limiti di temperatura per i riscaldamenti posti in edifici pubblici...

Ma vogliamo smetterla di prenderci per il culo?!?

Il problema non sono le polveri sottili o il surriscaldamento del pianeta, i quali sono solo conseguenze, ma l'incapacità di "raccontersela davvero".

Quando penseremo di fare a meno del petrolio come fonte di energia per la locomozione e quando avremo il coraggio di smantellare il perverso sistema delle compagnie petrolifere che tanto male hanno fatto al pianeta?

Ricordiamoci che le peggiori guerre dell'ultimo secolo sono state compiute per bramosia di petrolio, checché ce la raccontino...

Troppi gli interessi attorno all'oro nero e troppa ipocrisia...

Le energie alternative esistono già: idrogeno, elettrico, ... e rendono più e meglio del petrolio... ma per adesso non conviene ai potenti della terra e ai loro interessi collegati.

E poi mi raccontano che dobbiamo limitare il riscaldamento degli edifici o camminare a targhe alterne!!!

Ma vaffanculo va!!!

Maurizio Guarnaccia

 

image_pdfimage_print

Lascia un commento